Requiem per Brenda…

Oggi che è apparsa su Repubblica l’intervista-confessione di Marrazzo pubblico queste mie riflessioni scritte subito dopo la morte di Brenda…

Eri venuta in Italia convinta di trovare forse quel paradiso che in Brasile, tua terra natale,  forse non potevi avere per questa tua ambiguità sessuale, Brenda…e invece qui hai trovato l’inferno più
atroce, prima in quella squallida vicenda in cui sei stata coinvolta con
Marrazzo, poi l’episodio poco chiaro in cui eri ferita e, dicevano, che eri
ubriaca e volevi spaccarti la testa, ma non lo eri, Brenda, io lo so, eri solo
atrocemente disperata…e ieri l’ultimo atto di questa tua breve vita: ti hanno sicuramente uccisa, bruciandoti, per far sparire insieme a te le tracce dell’onta, per Marrazzo, di aver amato, di nascosto, una trans come te che aveva avuto il coraggio di uscire allo scoperto.

Ciao Brenda, spero che nell’altra vita a cui, spero, credessi un po’ anche tu, possa trovare finalmente quella pace, quella serenità, quel paradiso, insomma, che in questa vita il nostro paese, che una volta si chiamava il Belpaese, non ha saputo darti.

Requiem aeternam dona Brendae, Domine…

Annunci