“Erotica” di Angela Ragusa

Smise la sottoveste di seta .
Frusciando tra le cosce,
scivolò come un uccello dal nido .
Luce emanava il corpo suo .
Eburnea la pelle,voluttà richiamava alla vista.
Immobile come una statua di marmo
calda come un raggio di sole,aspettava.
Diveniva nel sussurro dei suoi veli,
femmina,nascondeva il desiderio
Energia  correva sotto pelle e di mela
lasciava un buon sapore in bocca.

Le gambe accavallate, le mani tra i capelli
ammiccava con lo sguardo  e col sorriso.
Profumo d’ estasi intarsiava l ‘aria
e fiamma di candela sagomava l’incavo
dei fianchi sodi a sfumare sopra i glutei.
Un afrore discendeva sui seni dritti
e invitavano al pasto del lattante…

Nel silenzio, un’ombra arsa di libido
e sentimento,erigeva quella parte
che con scettro lo faceva re.
Volse il corpo su di lei a specchiarsi
nei suoi occhi. Palpiti e sospiri
a tracimare dalle bocche.
Un mare nascondeva nel suo anfratto
Vi annegò nel sollevar dell’onda.
L’orgasmo li attendeva esausti
ed la notte li fasciò nel grembo suo.

Annunci