“Un minuto per volta” di Lady P

 

Staccionate di stelle

da scavalcare al mattino

nell’eco di un sogno aggrappato

a quell’ ultimo istante di buio

respiri di ciglia dischiuse

in un sorriso accogliente

da accapponare la pelle

cavalli alati

frammenti di nuvole

nel fondo degli occhi

e avvolgenti profumi

di un mattino silente

a ricalcare i contorni di un’alba

ancora  incerta

 

Il tatto

che tocca il tuo tatto

con polpastrelli fragili di sonno

ancora morbido

effluvi  insinuanti

a risvegliare la pelle

e prepotenti primule

nel sangue

 

le membra

a distendersi piano

sfiorando appena le tue

flebile scossa di raso

velluti cangianti

e cristalli soffiati

giocolieri di lucciole

straripanti di vita inventata

un minuto per volta

 

…e la mente,

abbracciata  e soffusa

a domandarsi carezze perverse

in un giaciglio di seta

ebbra di un sogno

più etereo dei sogni notturni