“Retrogusto” di Lady P

E con l’anima

racconto i miei respiri

talvolta vibranti

o disconnessi

dalla stessa vita

È un’entità squilibrata

almeno quanto me

congelata

infiammata

contrastata

dolente

E terribilmente felice

Questione di attimi

…molecole

in guerra costante

che convivono

sotto la stessa cometa

milioni di colori

a frantumare gli atomi

dello stesso grigio

staffilato da sguardi

dal furente al dolcissimo

da labbra aperte

per stupore o per noia

o per avvolgere

benaltre passioni

di carne

Filati di seta

a legare le membra

strettissime

con leggiadre ferite

di estasi

o dolori sottili

come lame affilate

di perverse innocenze

a intrecciare le lacrime

coi sorrisi più intensi

in trecce

di esistenza sconvolta

e normalissima vita

E nostalgia

di momenti vissuti

o ancora da vivere

che in fondo

se ci penso è lo stesso

nel contrasto perenne

di una gioia rabbiosa

e di un sereno dolore

per un distacco futuro

da gridare a pensarci

Inevitabile amplesso

tra destino e passione

quando il tempo

dirà basta così

Adesso

masticherò questa gioia

come squisita primizia

e lascerò il restrogusto

a domani

Annunci