Controcanto di Lady P

Melodie rarefatte

stasera

e una strana magia

I miei sensi

come corde di un’arpa

e la curva dei fianchi

percepita

come legno plasmato

da un esperto liutaio

Le tue mani

che modellano note

come morbida creta

in quei suoni di vento

nelle arcate sinuose

del mio tempio dell’eros

Celtici arpeggi

in pizzicati armoniosi

sulle corde vibranti

di me

e riecheggi

di ammalianti respiri

quasi demoni e dee

in controcanto

su colline carnali

ed eteree.