‘A siciliana – La siciliana, dedicata ad Angela Ragusa dall’amica Adele Libero

Pi ssempri luntana

iu, siciliana, da me terra.

Si strazza ‘u me cori, ‘a vuci

Nun azzittisci ‘a malinconia

ca sentu.

Cà fimmàrimi vulissi, ppi stari

n’costu ‘o mare, vicinu

a musa, ‘a fonti Aritusa,

tistimone d’impossibili amuri

A ffocu ‘u me cori ca dumanna

i scogghi, ‘a rina, ‘u ventu

i culura, i sapura, ‘u ristari.

Luntane muntagne aspèttunu

tristi ‘u me tunnare

ammucciatu do cielo

troppu scuru a sira

Chimera è abbrazzàriti ancora

e ancora,  o me culla,

o me matri, o mia cara Sicilia.

(il traduttore, Nino, mio marito si scusa per la traduzione in lingua siciliana forse non perfetta …) ed ecco la versione, originale, della poesia…

Da sempre lontana,

io, siciliana, dalla mia terra.

Si rinserra l’orgoglio, la voce
non tace la malinconia,

che sento.

Qui indugiare vorrei, per stare
accanto al mare, vicino
alla musa, la fonte Aretusa,
testimone d’impossibile amore.

Arde il mio cuore, che chiede
gli scogli, la sabbia, la brezza,
i colori, i sapori, il restare.

Distanti monti attendono,
sornioni, ritorno obbligato,
rabbuiato quel cielo,
troppo scuro alla sera.

Chimera è abbracciarti ancora,
e ancora, o madre, o mia culla,

mia balia, mia amata Sicilia.

Annunci