Sulle corde di te di Lady P

E morire d’amore

Fermarsi

fotogramma bruciato

dalle palpebre accese

che si schiudono appena

a sfiorarti la pelle

o un profilo di più

Spaccarsi sui fianchi

a schiantare tremori

lunghissimi

dalla nuca alla terra

e ritorno

se mi sfiori di neve

sulla strada assolata

di me

Mi ascolto

con il fiato spaccato

come goccia riarsa

se mi imbatto in qualunque

respiro

Artiglio

la mia mente avvampata

a graffiare la luce

che frantuma le dighe

tracimando il non so

Stregato

quello sguardo vibrante

tra ingordigia e pudore

a immolare i miei sensi

sulle corde di te