Colpevole di Diritti Umani

Furiosamente ribelle

A dribblare tra cattive

Emozioni

A scivolare di pianto

Tra illazioni feroci

Di perfidia

Rovente

Il cuore in un gomitolo

Sospeso tra rabbia

E dubbi mai risolti

L’immagine di me

Devastata di grida

Bersaglio di un gioco a freccette

Annientata

Strappata con mani nodose

Avvilita di un forse

Stracciata

In vituperi di voci

Colpevole

Di un reato gravissimo

Condannata

Da pensieri saggissimi

A tempeste di orgoglio

E derisione cocente

Rea

Di quel crimine denso

Che si chiama amare

Senza scegliere chi

Una mela

Schiantata da un pugno

Nell’alba di noi

Un’arancia

Spicchiata da artigli

Di fango ammuffito

Ciliegia

Annegata nell’acido

Di parole frustanti

Sulla schiena del cuore

Colpevole

Di volerti lo stesso

Di voler abbracciare

Una vita ugualmente

A dispetto degli altri

Con il dito puntato

A difendere stelle

Già spente

Colpevole

Senza appello di niente

Perché ho scelto di amare

Senza scegliere chi

Annunci