Istruzioni di Lady P

istruzioni

Non so se ha un senso vendere il sentire

prendere a prestito le conoscenze

studiando regole create da un estraneo

e spengere la pelle come nebbia

che rende tutto uguale

ai vostri sguardi

 …

li vedo già

non tesi a immaginare

ma ad ascoltar novelle non vissute

nulla di brutto ma nulla di bello

tutto è perfetto in forma e contenuti

ma il sangue scorre lento

come sempre

 …

Non so se ha un senso il banalizzare

il rendere normale

incasellare

le frastagliate forme dei sorrisi

e del dolore e poi dell’imbarazzo

per renderli più facili da usare

 …

Preferirei

restare con le mani

nel fango di un istinto anche confuso

protese a dare

forme di emozioni

magari non comprese

ma sentite

 …

La sensazione di essere presente

a piangere con me,

non dall’esterno

non un racconto ma la pelle a nudo

con le sue imperfezioni dello stile

e virgole soltanto se mi pare,

se non mi frenano quell’emozione

che vorrei regalare nuda e cruda

senza gli orpelli di una legge angusta

che limita respiro e vibrazioni

 …

è come se dovessi far l’amore

seguendo un manuale d’istruzioni