Accadde…oggi: nel 1841 nasce Mariannina Coffa, di Marinella Fiume

http://viadellebelledonne.wordpress.com/le-poetesse-ditalia/le-poetesse-d%E2%80%99italia-mariannina-coffa-1841-1878/

O beate dolcezze! O breve e cara
Gioia, o lusinghe del natio paese,
Quando quest’alma della vita ignara
Di tua gran mente il gran concetto apprese!
Or mi ridesto e sento
Quasi un’eco di tomba, e intorno giro
Le stanche ciglia a un funebre lamento

Al mio verso risponde e al mio sospiro.

Una poetessa maledetta dell’Ottocento

La poetessa Mariannina Coffa Caruso, detta “La capinera di Noto”, “La Saffo netina”, nacque nel 1841 a Noto (Siracusa), dove morì nel 1878, a 36 anni, 3 mesi e 6 giorni. Fu una bambina sensitiva e precocemente ispirata che il padre, noto avvocato patriota, impegnato nelle rivoluzioni del 1848 e del 1860, si compiaceva di fare esibire nei salotti e nelle accademie con le sue poesie improvvisate su temi dettati estemporaneamente.
Dopo qualche anno di collegio in cui imparò versificazione e un po’ di francese, mentre solo i suoi fratelli poterono apprendere anche il Latino, le fu messo accanto come precettore Corrado Sbano, un canonico zelante, allo scopo di istruirla e disciplinare insieme gli slanci del carattere indipendente e dell’estro focoso.
A 14 anni, cominciò a prendere lezioni di piano dal 25enne Ascenso Maceri, diplomato al Conservatorio S. Pietro e Maiella di Napoli, politicamente vicino all’ambiente del Ministro Matteo Raeli (l’estensore della Legge sulle Guarentigie), autore di drammi storici che saranno rappresentati alla Fenice di Venezia. E fu subito innamoramento, malgrado la differenza d’età! Ascenso era biondo, bello e di gentile aspetto, un intellettuale giramondo di sicuro avvenire, cicisbeo delle Raeli madre e figlia, il più esclusivo salotto della città.
Ma, dopo un breve fidanzamento ufficiale, la famiglia le impose di sposare, a 18 anni, il giorno di Pasqua del 1860, un ricco proprietario terriero di Ragusa che la recluderà nella casa del padre, un uomo rozzo e meschino, di nascosto al quale dovrà scrivere le sue poesie e le sue lettere, al lume della candela nelle interminabili notti in cui Giorgio, il marito, per un po’ sindaco di Ragusa, la lascia sola.
Per suo suocero, infatti, “lo scrivere rende le donne disoneste”, ragion per cui non aveva permesso alle proprie figlie di apprenderlo.
Intanto, tra continue gravidanze che tormentavano il suo gracile corpo, il dolore per la morte di una figlia, la cura dei altri figli e i pesanti lavori di casa, intreccerà una relazione epistolare con l’orgoglioso fidanzato di un tempo, che non le perdonerà, però, mai la resa supina al volere dei genitori e il rifiuto della “fuitina” da lui propostale, e rifiuterà l’appuntamento che lei, già donna sposata e più volte madre, rischiando grosso, gli darà nella stessa Ragusa.
Mariannina sarà così costretta a vivere una vita sdoppiata, iscrivendosi ad associazioni ed accademie italiane e straniere e pubblicando per riviste nazionali, specialmente “La donna e la famiglia” di Genova.
L’amicizia con un dotto medico originario di Augusta e poi residente a Catania, Giuseppe Migneco, omeopata e magnetista animale, famoso per le efficaci cure prestate in occasione delle epidemie di colera, ma più volte esiliato per “esercizio di arte diabolica” e “spiritismo”, la introdurrà ai metodi del sonnambulismo e agli arcani del magnetismo, sistemi anatemizzati dal Papa e coltivati all’interno di élites massoniche democratiche, in realtà prodromi positivisti della successiva matura Psicanalisi, coi quali la poetessa cercherà di curare le malattie e i disagi del suo corpo e della sua psiche. Si iscriverà a diverse società occultiste e teosofiche italiane e straniere e, attraverso un discepolo netino del Migneco, il dott. Lucio Bonfanti, medico omeopata e democratico del 1860, sarà introdotta nella Loggia Elorina, le cui insegne appariranno in pompa magna durante i funerali della poetessa.
Ne nascerà l’ultima straordinaria, purtroppo breve, stagione poetica, fitta di riferimenti simbolici al “gran concetto” e improntata alla “protesta metafisica”, dopo la prima giovanile poesia patriottica di maniera e l’intermedia fase intimista.
Prostrata dalle emorragie provocate da fibromi all’utero, abbandonerà la casa del marito per trovare nella città natale un clima sereno adatto alla cura omeopatica, rifugiandosi a Noto, nella casa dei genitori, che la cacceranno via perché non ricada su di loro il disonore, e finirà i suoi giorni tra la fame e gli stenti, assistita da un anziano medico omeopata: nessun familiare vorrà pagare le prestazioni di un chirurgo catanese il cui intervento avrebbe potuto probabilmente salvarle la vita.
Pochi mesi prima di morire, quando la famiglia ragusana le porta via il figlio che alleviava la sua solitudine e confortava i suoi ultimi giorni di vita, grida in alcune lettere la sua ferma volontà di divorziare, mentre il divorzio è un istituto ancora molto di là da venire.
La sua rassegnazione si trasforma in odio verso quei genitori i cui voleri ha sempre eseguito pur contro la sua stessa volontà, la sua obbedienza filiale si tramuta in desiderio di vendetta e chiede a Dio ancora qualche giorno di vita per rendere pubbliche le violenze, le manomissioni, le subornazioni, le umiliazioni a cui è stata sottoposta e che la conducono alla morte.
Malgrado la fama di “poeta maledetta” diffusasi negli ultimi tempi della sua vita, la sua città dichiarò il lutto cittadino, si assunse su di sé le spese del funerale e le fece erigere una statua in marmo di Carrara, sita ancora ora nella Piazzetta d’Ercole.

 

Opere

Poesie in differenti metri di M.C.C. da Noto, Siracusa, Stamperia Pulejo, 1955
Nuovi canti di M.C.C. da Noto, Noto, Stamperia Spagnoli, 1859
Nuovi canti di M.C. in Morana da Noto, Torino, Stamperia dell’Unione Tip. Editrice, 1863
San Giovanni Battista alle sponde del Giordano, in “La donna e la famiglia”, Genova, 1866, vol.V, p. 262
Versi sciolti all’Accademia universale di Scienze ed Arti di Parigi, in “La donna e la famiglia”, Genova, 1868, p. 647
A Maria Vergine Addolorata, in “La donna e la famiglia”, Genova, vol. VII, p. 275
Ode in morte di Adelaide Cairoli Bono, in Raccolta di versi e prose d’illustri signore italiane, 1871
Ode a Giuseppe Migneco, in “La donna e la famiglia”, Genova, ottobre 1875, p. 230
Versi inediti di M.C.C. in Morana da Noto, pubblicati per cura dell’affezionato ammiratore F. Santocanale, Palermo, Stab. Tip. Lao, 1876
Ultimi versi di M.C.C. in Morana, Palermo, Tip. Virzì, 1878
Un sogno, versi inediti di M.C.C. per cura di Giuseppe Conforti, Noto, Zammit, 1878
Lettera di Mariannina Coffa a suo fratello Vincenzo, Noto, Tip. di F. Zammit, 1879 pubblicata postuma a cura di L. Bonfanti
Poesie scelte a cura del Municipio di Noto (edizione postuma), Noto, Zammit, 1882
Lettera inedita dell’illustre poetessa retina M.C.C. diretta ai deputati del Parlamento italiano, in “Aurora”, Noto, Tip. Cavarra, 1898
Lettere inedite di illustri scrittori a Concettina Ramondetta Fileti, Palermo, 1911
Lettere ad Ascenso, (a cura di G. Raja), Roma, Ciranna, 1957
Scritti inediti e rari di Mariannina Coffa, (a cura di M. Di Stefano), Noto, Arti grafiche San Corrado, 1996
L’Episolario amoroso Coffa – Maceri, in M. Fiume, Sibilla arcana. Mariannina Coffa (1841 – 1878), Caltanissetta, Lussografica, 2000

 

Annunci