Accadde…oggi: nel 1905 nasce Clarice Benini

Benini

https://ilcalendariodelledonne.wordpress.com/le-donne-nate-a-firenze-women-born-in-florence/

Clarice Benini (Firenze, 8 gennaio 1905Rufina, 6 settembre 1976) è stata una scacchista italiana.

Figlia d’arte, rimase orfana a 15 anni: il padre Giuseppe, appassionato e discreto giocatore, morì durante un torneo di scacchi a Viareggio. Nel 1976 Clarice fu uccisa da un suo vicino, un contadino impazzito, nelle campagne di Rufina, in località Poggio a Vico.

Nel 1936 si classificò al secondo posto, dietro la forte giocatrice tedesca Sonja Graf, nel torneo femminile di Semmering nei pressi di Vienna. Per questo successo l’ASI (Associazione Scacchistica Italiana, denominazione della Federazione Scacchistica Italiana dal 1928 al 1946) le assegnò il titolo di Maestro ad honorem.

Nel 1937 partecipò al Campionato del mondo femminile a Stoccolma classificandosi seconda con il punteggio di 10/14, precedendo la lettone Milda Lauberte e la Graf.

L’ottimo risultato è ancora più eclatante se si considerano la modesta esperienza internazionale di Clarice (al suo secondo torneo importante) e la personalità della vincitrice: la cecoslovacca Vera Menchik che concluse il torneo con 14 punti su 14. La Menchik vinse ininterrottamente tutti i sette titoli mondiali disputati dal 1927 al 1939 con altissimi punteggi e solo la sua morte, avvenuta in un bombardamento a Londra nel 1944, pose fine ad un predominio assoluto.

Dopo il lusinghiero risultato di Stoccolma, l’ASI organizzò i Campionati femminili italiani e Clarice vinse le prime due edizioni: nel 1938 a punteggio pieno e nel 1939, precedendo, in entrambe le occasioni, Nelli Lanza. Successivamente i Campionati non furono più disputati e riprenderanno solo nel 1973.

La Benini partecipò nuovamente ai Campionati mondiali nel 1950 a Mosca, i primi organizzati dopo la guerra. La mancanza di una adeguata preparazione non permise all’italiana di ripetere il successo del 1937. Ottenne, comunque, un buon punteggio classificandosi al nono posto.

Nel 1950 La FIDE le conferì il titolo di Maestro Internazionale.

Raggiunse ancora altri lusinghieri risultati nei tornei internazionali femminili di Abbazia (195354) dove si piazzò seconda con 13,5 punti su 17, di Gardone (1956) che la vide imbattuta al primo posto e di Amsterdam (1957) ancora prima ed imbattuta.[1]

Nella sua carriera Clarice partecipò dignitosamente, oltre a quelli femminili già citati, anche ai Campionati italiani “assoluti”.

La Benini continuò a giocare presso il Circolo Scacchistico Fiorentino per qualche anno ancora, poi abbandonò l’attività agonistica per una malattia agli occhi, a metà degli anni sessanta.

Per i risultati raggiunti ed il suo gioco aggressivo e brillante è considerata la più forte giocatrice italiana di tutti i tempi e tra le migliori dell’Europa occidentale.

da WIKIPEDIA

Annunci