Liliuokalani, prima e unica regina delle Hawaii, da me tradotto e rielaborato

 queen-liliuokalani-jpg

Liliuoklani, norme originale Lydia Kamakaeha, chiamata anche Lydia Liliuokalani Paki o Liliu Kamakaeha, nata nel 1838 e morta nel 1917, è stata la prima e unica regina regnante hawaiana e l’ultima sovrana a governare le isole che furono annesse dagli Stati Uniti nel 1898.

Lydia Kamakaeha era di famiglia altolocata. Sua madre Keohokalole era una consigliera del re Kamehameha III.

Allevata nella tradizione missionaria ritenuta appropriata per le principesse hawaiane ricevette un’istruzione totalmente moderna che fu incrementata da un viaggio nel mondo occidentale.

Dopo un periodo trascorso come membro della corte di Kamehameha IV venne sposata nel 1862 a John Owen Dominis, figlio di un capitano di mare di Boston e lui stesso un ufficiale del governo hawaiano.

Nel 1874 suo fratello David Kalakaua fu scelto come re e nel 1877, alla morte di un secondo fratello, W.P. Leleiohoku, che era erede apparente, lei fu nominata erede presunta. Fu conosciuta, da quel momento, con il suo nome reale, Liliuokalani.

Nei seguenti 14 anni si consolidò fermamente in quel ruolo. Fece da reggente durante il tour in giro per il mondo del re Kalakaua nel 1881 e fu attiva nell’organizzare scuole per la gioventù hawaiana.

Durante un suo tour in giro per il mondo nel 1887 fu ricevuta dal presidente statunitense Grover Cleveland e dalla regina inglese Vittoria.

Alla morte del re Kalakaua nel gennaio 1891 Liliuokalani ascese al trono diventando la prima donna di sempre a occuparlo.

Liliuokalani si rammaricava per la perdita di potere che la monarchia aveva sofferto con Kalakaua e tentò di restaurare un po’ della tradizionale autocrazia per il trono hawaiano.

Aveva subito reso chiara la sua posizione opponendosi al rinnovato Trattato di reciprocità del 1887, firmato dal suo predecessore, che garantiva concessioni commerciali privilegiate agli Stati Uniti e che cedeva a loro il porto di Pearl Harbor. Questo gesto la rese invisa per sempre agli “haole”, gli uomini d’affari stranieri, che, dopo la sua ascesa al trono, tentarono di abrogare la sua autorità.

Guidato da Sanford Dole il Partito Missionario chiese la sua abdicazione nel gennaio 1893 e, dichiarando la regina deposta, annunciò la creazione di un governo provvisorio in attesa di annessione agli Stati Uniti.

Per evitare spargimenti di sangue Liliuokalani si arrese ma si appellò al presidente Cleveland per farla ritornare al governo.

Cleveland ordinò che fosse rimessa sul trono ma Dole sfidò l’ordine sostenendo che Cleveland non avesse l’autorità per interferire.

Nel 1895 un’insurrezione nel nome della regina, guidata dal realista Robert Wilcox, fu soppressa dal gruppo di Dole e Liliuokalani fu tenuta agli arresti domiciliari con l’accusa di alto tradimento.

Nel gennaio 1895 per ottenere l’indulto per i suoi sostenitori che erano stati arrestati in seguito alla rivolta firmò una formale abdicazione.

Come capo del movimento “Oni pa’a” il cui motto era “Hawaii agli Hawaiani” Liliuokalani combatté aspramente contro l’annessione delle isole agli Stati Uniti che, ciò nonostante, avvenne nel luglio 1898.

In quell’anno pubblicò “Hawaii’s Story by Hawaii’s Queen” e compose “Aloha Oe”, una canzone amata in seguito per sempre nelle isole.

Si ritirò quindi dalla vita pubblica godendo di una pensione del governo e dell’omaggio degli isolani e dei visitatori.

http://www.britannica.com/EBchecked/topic/341022/Liliuokalani

Liliuokalani fu anche una delle più esperte compositrici e musiciste delle Hawaii. Compose più di 165 canzoni e canti. Nel link sottostante troverete l’elenco.

http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_compositions_and_works_by_Liliuokalani

 

 

 

Annunci