“Profumo di toscano”, ricordo di Antonella Ruggiero

dsc8172_2_101396

nonno-e-nipote-44401207

Ricordo ancora la mia piccola manina stretta nella sua ..mano grande avvolgente ,me la stringeva forte fino a farmi male. E i passi incerti e corti,di bimba indifesa e delicata .

Il profumo del toscano ,la sua firma ,il suo lascia passare. Le sue gambe lunghe e i suoi zigomi sporgenti,la camicia chiara ,le scarpe verniciate ,i capelli bianchi ,nascosti dal cappello .

E ..le luci ..le campane a festa ,l odore dello zucchero filato..e le bancarelle stracolme di balocchi ,di trenini ,di bambole di pezza . I palloncini colorati in cielo ,come coriandoli a carnevale.. E le scarpette bianche ..e il vestitino della festa ,a fiori colore di lavanda ,cucito dalla. Nonna .

Mi sentivo grande anche io ,tra tutta quella gente. Ogni tanto .mi prendeva in braccio e mi teneva forte forte ..e mi alzava in aria ..facendomi vedere la banda ,il Santo e la processione E mi beavo e ridevo divertita ..

La strada impolverata e silenziosa del ritorno ,la ricordo ancora ,illuminata solo dalla fioca luce della bicicletta .ed io seduta sulla canna ,vicino la sua sella ,mi tenevo forte forte per paura di cadere ,e lo stringevo e lo guardavo ,! E i grilli e le lucciole ..e quel. CRi Cri …a farci da orchestra ! E il cigolio della catena arrugginita lo sento ancora in testa ..

E ..mi parlava …mi raccontava piano ,piano di Garibaldi e Fieramosca ..e nn so più chi .nn lo ricordo ancora ! E mi parlava ..piano ..piano ..il mio amato nonno . Adesso ormai lontano Senza più nessun ritorno …!!!

Annunci