Pensiero del 20 ottobre di Omraam Mikhaël Aïvanhov

equanimita
« Noi possiamo accettare una prova, possiamo comprenderla, ma allo stesso tempo provare amarezza, tristezza, rimpianto: pensiamo che sarebbe stato molto meglio se non avessimo dovuto subirla! In questo senso possiamo dire che essa non è ancora terminata.
Quando si può dire che una prova è terminata? Quando siamo in grado di rallegrarcene. È possibile che in apparenza essa non solo non ci abbia dato nulla, ma che ci abbia anche fatto perdere molte cose, perfino esseri che ci sono cari… Eppure, molto tempo dopo quella prova, sentiamo che la nostra luce, il nostro amore e la nostra forza sono aumentati, e ci sentiamo pervasi dalla pace e dalla gioia. Solo a quel punto possiamo dire che la nostra prova è terminata: l’abbiamo superata. »
Annunci