avresti dovuto (27 gennaio – giorno della memoria – dedicata a tutte le vittime degli odi razziali), Nuccia Isgrò

16142801_1730184990644456_8909794136712304370_n

Non basta un giorno di memoria per capire,
non basta leggere un libro per comprendere,
non basta un film per cogliere l’orrore.

Avresti dovuto vedere gli occhi sbarrati dal dolore,
la paura che viveva come compagna nell’inferno,
il senso d’ impotenza che i nostri corpi mostravano,
le braccia tese di bimbi che imploravano pietà.

Avresti dovuto toccare con mano
la pelle lacerata dal gelo,
le ossa che si rivelavano sotto la pelle nuda,
le lacrime solidificate sui volti scarni,
i piedi nudi piagati,
la fame rivelata nella sua spaventosa interezza.

Avresti dovuto sentire
le urla di uomini condannati dal male altrui,
i singhiozzi di donne e di bambine violate da belve camuffate da esseri,
il pianto delle madri separate dai figli,
i colpi di fucili che ponevano fine alla vita di innocenti.

Avresti dovuto odorare
la morte che indecorosa regnava su tutto,
il fumo che saliva con sbuffi lievi verso il cielo
pur essendo grave di anime,
il puzzo di chi restava tra cumuli d’indifferenza.

Avresti dovuto…
e forse oggi si parlerebbe solo di giustizia e umanità.

Annunci