accadde…oggi: nel 1934 nasce Ofelia Giudicissi Curci

Ofelia Giudicissi Curci, nata Giudicissi (Pallagorio, 11 maggio 1934Roma, 13 settembre 1981), è stata una poetessa, scrittrice e archeologa italian, conosciuta maggiormente per il suo costante impegno nella tutela e nella salvaguardia della lingua e della cultura arbëreshë (sebbene tutte le sue poesie fossero scritte in italiano).

Ofelia Giudicissi nacque a Pallagorio[4], paese arbëreshë della provincia di Crotone, l’11 maggio 1934. Di modesta famiglia e settima di dieci figli (il padre Carmine era un maestro scolastico e la madre Domenica una contadina)[5], si sposò nell’aprile del 1959 dopo un brevissimo fidanzamento con Antonio Curci, da cui prese anche il secondo cognome. Dal matrimonio nacquero due figli: Francesco, nato nel 1960, e Pietro, nato nel 1965[5].

Nel 1964 pubblicò la sua prima opera letteraria, Pallagorio, un libro di poesie interamente ispirato alla sua gente e alla sua terra, a cui fortemente era legata. Fu molto attiva anche nel campo dell’archeologia, soprattutto sui terreni del suo paese natale, dove effettuò diverse ricerche sull’esatta etimologia del nome del paese stesso[2].

Durante la stesura del suo ultimo libro dal titolo Momenti di un profilo meridionale scomparve prematuramente, in seguito ad una malattia, il 13 settembre del 1981 all’età di 47 anni. Saranno poi il marito e i figli a pubblicare postuma, nel 1996, la sua ultima opera.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ofelia_Giudicissi_Curci

https://ilcalendariodelledonne.wordpress.com/2017/04/15/donne-italiane-nate-a-maggio/

Annunci