accadde…oggi: nel 1886 nasce Delmira Agustini, di Natalia Castaldi

Quando Delmira Agustini venne uccisa dall’ex marito, Alfonsina Storni, appena ventiduenne, scrisse: “Riposa del suo fuoco, si purifica della sua fiamma”, ancora non sapeva Alfonsina quanto il tragico destino della sua amata e controversa amica poeta le sarebbe stato triste presagio d’esistenza.

Delmira Agustini, figlia di emigranti italiani in Uruguay, nacque a Montevideo nel 1886, ancora ragazzina iniziò a dedicarsi alla poesia pubblicando diverse raccolte poetiche. Si sposò giovanissima, ma il matrimonio si rivelò subito un errore che la portò a chiedere il divorzio pochi mesi dopo le nozze. Nel 1914 venne uccisa dall’ex marito che a sua volta morì suicida poco dopo.

La sua poesia carnale, passionale, libertaria, sempre dissociata tra realtà e sogno la rese simbolo della lotta per l’emancipazione femminile nell’America Latina dei primi del Novecento.

Sehnsucht – Disegno di Cristina Cerminara

La miel, Delmira Agustini

 

Busca en la miel de lo sueños

Sagrada Embriaguez. Sin ceños

Se abre a ti la mar dorada.

Boga, Simbad de lo sueños!

Peregrino de una hada

Cruza climas halagüeños

Lleva tu boca enmelada

Al beso de miel del hada.

¡La suma miel! Mas tú toca

Un punto la maga boca

Y alza un dique de diamante

Entre ella y tu golosina.

-Goza la flor un instante

Y… cuidando de la espina.

*

Il miele

 

Cerca nel miele dei sogni

la sacra ebbrezza. Senza tormenti

ti si apre un mare dorato.

Voga, Sinbad dei sogni!

Peregrino di un’incantatrice

attraversa le lusinghiere terre

porta la tua bocca addolcita

al mieloso bacio della fata.

Ah miele sublime! Allo sfiorare

un punto della bocca incantata

ergi una diga di diamante

tra lei e la tua leccornia.

–   gioisce il fiore per un istante

…. facendo attenzione alla sua spina.

(Trad. nc)

Delmira Agustini (post di natàlia castaldi)

https://it.wikipedia.org/wiki/Delmira_Agustini

Annunci