accadde…oggi: nel 1909 nasce Lia Pasqualino Noto, di Luisa Maria Leto

http://www.navarraeditore.it/catalogo.html?page=shop.product_details&flypage=shop.flypage&product_id=234&category_id=4

Sfidò le convenzioni sociali e artistiche del suo tempo, fu la prima donna ad aprire una galleria d’arte, ospitò nella sua casa ebrei e anarchici durante il fascismo: ecco la “scandalosa” vita di Lia Pasqualino Noto

Costretta a fingersi uomo per raggiungere l’apice del riconoscimento artistico, Lia Pasqualino Noto è oggi considerata una delle maggiori pittrici italiane del ‘900

Tra inedite epistole e ricostruzione storica, prende vita l’identità di Lia Pasqualino Noto, pittrice e gallerista, che catalizza a Palermo il fervore del cambiamento artistico e culturale del primo Novecento italiano. Ne emergono riflessioni sul ruolo del fascismo nelle dinamiche dell’arte, sulla transizione politica di alcuni artisti come Guttuso – con cui la Pasqualino Noto instaura un sodalizio artistico e d’amicizia che dura tutta una vita – Carrà, Tamburi, Severini, Sironi.

Il libro ripercorre la vita sia pubblica che privata dell’artista siciliana: la costituzione del Gruppo dei Quattro con Guttuso, Franchina e Barbera, la nascita della prima galleria d’arte privata – la prima fondata e gestita da una donna – la mostra del ’37 “Sessanta artisti italiani” che porta in città il meglio dell’arte nazionale. Poi la guerra che la vede mettere da parte gli avvenimenti culturali per sostenere le vittime del fascismo e ospitare nella sua casa ebrei ed anarchici, la cui storia questo libro vuole riportare alla luce.

L’artista si rende quindi conto di avere ottenuto il massimo plauso tributato ad una donna, per questo motivo sfida le convenzioni sociali e, con la collaborazione del marito, si crea un’identità maschile, firmandosi semplicemente Pasqualino Noto e raggiungendo risultati insperati. Cessato l’inganno, nell’ultimo ventennio della sua vita, Lia Pasqualino Noto torna ad esporre le sue opere che restano fedeli al suo stile nonostante l’arte figurativa abbia ceduto il posto all’astrattismo.

http://gds.it/2018/06/14/apre-casa-museo-di-lia-pasqualino-noto_869016/

Annunci