accadde…oggi: nel 1083 nasce Anna Comnena, la prima storica, da me tradotto e rielaborato

https://www.thoughtco.com/anna-comnena-facts-3529667

E’ stata una principessa bizantina, un’importante figura politica, una storica del Medioevo e una scrittrice di argomenti medici. Nata probabilmente l’1 o il 2 dicembre 1083 e morta nel 1148.

Sua madre è stata Irene Ducas e suo padre l’imperatore Alessio I Comneno che governò dal 1081 al 1118. Anna era la più grande dei figli, nata pochi anni dopo che suo padre era salito sul trono come imperatore dell’Impero Romano d’Oriente togliendolo a Niceforo III.

Anna Comnena fu promessa in sposa giovanissima a Constantine Ducas, un cugino da parte di sua madre e figlio di Michele VII, predecessore di Niceforo III; ma Constantine morì prima che il matrimonio venisse celebrato.

Come alcune altre donne reali bizantine del Medioevo Anna Comnena fu istruita bene: studio I classici e la musica ma anche scienze e matematica e soprattutto astronomia e medicina, argomenti sui quali scrisse nella parte finale della sua vita.

Nel 1097 Anna sposò Niceforo Brienno che aveva qualche rivendicazione sul trono. Niceforo era anche uno storico. Anna e sua madre, l’imperatrice Irene, tramarono affinché Niceforo succedesse ad Alessio sul trono al posto del fratello di Anna, Giovanni, ma fallirono.

Quando suo padre stave morendo Anna utilizzò la sua conoscenza medica per scegliere tra I possibili trattamenti. Morì nonostante i suoi sforzi nel 1118 e suo fratello Giovanni divenne imperatore.

Anna e sua madre complottarono per detronizzare suo fratello e rimpiazzarlo con suo marito il quale sembrò apparentemente rifiutare di prendere parte al complotto che fu scoperto e sventato e Anna e suo marito lasciarono la corte.

Quando suo marito morì nel 1137 Anna e sua madre furono mandate in un convento che Irene aveva fondato.

“L’Alexiade”

La Anna iniziò a scrivere una storia della vita e del regno di suo padre  che suo marito aveva iniziato. Questa storia in quindici volumi fu scritta in greco invece che in latino.

L’Alexiade fu scritta per lodare le cose fatte da Alexius  e il posto che Anna aveva avuto a corte per il periodo descritto dà un valore di particolare accuratezza ai dettagli delle storie narrate. Scrisse  su aspetti militari, religiosi e politici ed era scettica sul valore della Prima Crociata della chiesa latina che ebbe luogo durante il regno di suo padre.

Nell’Alexiade Anna parlò anche di medicina e astronomia e dimostra la sua considerevole conoscenza scientifica; inserisce anche riferimenti a cose fatte da un gran numero di donne inclusa sua nonna Anna Dalassena.

Anna scrisse anche del suo isolamento nel convento e del suo disgusto per la non volontà di suo marito di portare avanti il complotto per metterlo sul trono notando che forse che “their genders should have been reversed”.

L’Alexiade fu per la prima volta tradotto in inglese da Elizabeth Dawes nel 1928.

Annunci