accadde…oggi: nel 1768 nasce Marie-Guillermine Benoist

http://www.portraitss.cloud/marie-guillemine-benoist/

Nata a Parigi nel 1768 e figlia di un funzionario, frequentò con la sorella l’atelier del pittore e politico francese Jacques-Louis David e fu proprio grazie a lui che divenne pittrice ufficiale dell’Impero.

Nel corso della sua carriera artistica, realizzò opere tanto virtuose tecnicamente quanto politicamente impegnate. In una prima fase che fu caratterizzata dall’influenza del suo maestro, la sua pittura abbracciava temi di natura classica che recuperava dalla mitologia e dall’antichità. In seguito al matrimonio con il banchiere Benoist d’Angers, si allontanò dall’influsso di David per dedicarsi ad altri generi, riscuotendo un notevole successo.

Il dipinto che consacrò la sua fama come pittrice fu esposto al Salon del 1800: realizzato sei anni dopo l’abolizione della schiavitù in Francia, “Ritratto di donna nera” è considerato un manifesto dell’emancipazione delle persone di colore e riflette le convinzioni femministe dell’artista. L’opera non fu benaccolta dalla critica e creò scandalo per il tema trattato.

In seguito ebbe commissioni anche da Napoleone Bonaparte, allora Primo Console, e dalle sue sorelle Elisa e Paolina Bonaparte. Al Salon del 1804 le assegnarono una medaglia d’oro e nello stesso periodo aprì uno studio riservato solo alle donne. Purtoppo, con la Restaurazione e con il ruolo che suo marito ricopriva come membro del Consiglio di Stato, la sua attività fu considerata incompatibile con gli impegni politici del consorte e fu quindi costretta ad abbandonare l’arte e il suo percorso creativo.

Inoltre, ristabilita la schiavitù, Napoleone stabilì l’incapacità giuridica delle donne attraverso il codice civile del 1804, influendo pesantemente sulle loro carriere artistiche. Riassorbita dal conformismo dell’alta società, Marie Guillemine Benoist supportò il marito nella carriera politica. Morì nel 1826 a 58 anni.

Annunci