accadde…oggi: nel 1928 nasce Agnes Varda, la prima regista a ricevere la Palma d’Oro a Cannes, di Chiara Ugolini

https://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2019/03/29/news/e_morta_agnes_varda-222781301/

https://danielaedintorni.com/2018/09/05/dallimperatrice-teodora-ad-haifaa-al-mansour-i-primati-delle-donne-nel-cinema-e-nel-teatro-di-ester-rizzo/

Pioniera e protagonista della Nouvelle Vague, unica donna nel club molto maschile accanto a Truffaut e Godard,  Agnès Varda era nata a Ixelles, un comune alle porte di Bruxelles, nel 1928. Fotografa al Théatre National Populaire di Jean Vilar, aveva esordito nel 1954 con il mediometraggio La Pointe-Courte (montato da Alain Resnais e con un giovanissimo Philippe Noiret). Regista portata a un modo di fare cinema intimo e personale, elegante e raffinato, Agnès Varda nella sua produzione di finzione ha spesso raccontato le complessità dell’animo femminile e dei rapporti di coppia, tanto da essere stata definita da parte della critica “la prima regista femminista”. Di questa produzione fanno parte Cleo dalle 5 alle 7, Il verde prato dell’amore, Senza tetto né legge con una giovanissima Sandrine Bonnaire, Leone d’oro alla Mostra del cinema di Venezia.

È stata la prima donna a ricevere l’Oscar alla carriera ed essere candidata all’Academy Award nello stesso anno per il suo doc Visages Villages. La regista belga si è imbarcata in un viaggio straordinario insieme allo street artist e fotografo francese JR (classe 1983, 55 anni di differenza) e a bordo del suo furgone – macchina fotografica hanno attraversato i paesi della provincia francese a caccia di storie straordinarie nella loro normalità: minatori, cameriere di bar, scaricatori di porto, operai, un’allevatrice di capre, un artista clochard con un risultato straordinario. Al festival di Berlino di quest’anno è stato poi presentato il suo ultimo lavoro, Varda par Agnès – Causerie, una sorta di autobiografia in forma di documentario
Annunci