La torre della Papessa, di Antonella Sacco, illustrazioni di Davide Tosello, Piemme, Il Battello a Vapore, recensione di Daniela Domenici

“…e poi la scrittura…non pensate anche voi che poter costruire storie, fermare ricordi, comunicare emozioni solo tracciando sottili segni di inchiostro su un foglio sia una specie di magia?”: nella sua postfazione con queste poche ma perfette parole l’autrice, della quale ho già recensito numerose opere molte delle quali pensate e create ad hoc per bambine e bambini, afferma cosa sia per lei (e anche per la sottoscritta) la scrittura: una specie di magia.

E per scrivere “La torre della Papessa” Sacco ha intriso il suo pennino nella magia più pura mescolata con un pizzico di giallo-avventura e con il suo profondo amore per la montagna ed è riuscita a creare una storia avvincente le cui deliziose protagoniste sono due gemelle quasi identiche, Asia ed Eva, che vanno in vacanza in uno sperduto paese di montagna con il padre che deve scrivere degli articoli. All’inizio sono un po’ musone perché sarebbero volute andare al mare come ogni estate ma dopo poco Asia si appassiona a una storia che riguarda il castello e la sua proprietaria, la principessa Mirella, di cui si è occupata una prof che ha abitato nella loro stessa casa prima che la affittassero. Grazie al materiale lasciato da quest’ultima Asia riesce a coinvolgere non solo la sua amatissima gemella ma anche quattro ragazzi con cui fanno amicizia, Riccardo, Claudio, Roberto e Sergio e grazie anche ai racconti di Bianca riescono, nonostante due loschi ceffi che vorrebbero intralciare le loro indagini, ad arrivare a un tesoro molto particolare che riguarda una torre e una papessa…ma non vi dirò altro…lasciatevi emozionare dalla scrittura di Antonella Sacco e dalle perfette illustrazioni di Davide Tosello che vi porteranno insieme ad Asia ed Eva e ai loro amici sulla torre per una scoperta…inimmaginabile!