discorso agli uomini, di Cinzia Pennati

Discorso agli uomini.

Non posso essere ciò che vuoi. nemmeno ciò che mi chiedi. ci ho provato una vita ad essere una donna conciliante. meno nervosa.arrabbiata. insoddisfatta. non è colpa tua ma di come sei cresciuto. ora mi è chiaro. c’è qualcosa in me che non è negoziabile. inquieto. qualcosa che riguarda la mia persona a cui non rinuncerò. non si tratta di coraggio ma di aspettative. quelle che ho verso me stessa. verso le donne di questo Paese. verso le mie figlie. non mi interessa arrivare ovunque. voglio preservarmi. esistere. contare. Sì, hai capito bene, contare.Presuntuoso da parte mia? Immagino di sì, se ragionassi dal punto di vista di un uomo ma sono una donna. sai quante volte nella mia vita ho sentito questa frase: perché non ti accontenti? la verità è che non ci riesco. questa inquietudine mi divora e a volte mi lacera. ma Dio solo sa quanto mi tenga in vita! pensavo fosse colpa mia. di questa mia incapacità di sottostare alle regole. ci ho messo tanto a comprendere che le mie regole non sono uguali alle tue. tu hai dei vantaggi e lo sai bene e quando pensi di concedere non lo sopporto. quel nervoso parte dalla bocca dello stomaco e mi rende irrequieta. sto male a volte per come mi tratti. a volte non dici nemmeno una parola ma li vedo i tuoi occhi da millenni si fanno la stessa domanda: cosa avrà da lamentarsi? Mettiti l’anima in pace, continuerò a farlo, anche fossi la sola, finché le regole non saranno “nostre” e avranno lo stesso peso, finché la parete di ghiaccio non sarà sciolta e noi potremmo camminare vicini e competere ad armi pari

quando mi incontri. quando cerchi i miei occhi. la mia approvazione. la mia disponibilità e leggi la mia insoddisfazione. prima di sbuffare. guardami davvero e pensa che dentro di me, come dentro a molte donne, magari era persino dentro a tua madre tutte le volte che tuo padre si lamentava che era nervosa, o dentro a tua sorella o a tua figlia o alla tua collega, c’è qualcosa di così profondo da non essere negoziabile, riguarda un desiderio, quello di contare. Almeno quanto te.

Annunci