un amore impossibile, di M. Giulia C.

Questa lettera, mi è stata inviata, a suo tempo quando ero completamente immersa e persa per Tiziana. Quando mi ha lasciata e capirete da questa lettera, anche il perché; ho parlato, nel mio racconto di vita, di quanto le famiglie influiscono sui figli quando si tratta di essere omosessuali. Ho perso anni sperando che ritornasse, ho perso giorni a pensare lei, mesi a esaminare il suo modo contorto di vedere la nostra storia. Non era lei contorta ma l’unica verità è che c’erano da eseguire gli ordini della famiglia. Quando finisce una storia, per un motivo o per un altro, le persone bisogna lasciarle andare, non bisogna perdere tempo a pensare e ripensare. Ero semplicemente incappata in una donna sotto il completo controllo da parte della sua famiglia! Quando l’ho conosciuta si era presentata come persona libera e indipendente, invece mi ha procurato solo altra sofferenza e soprattutto perdita di tempo. Di seguito leggerete questa lettera che rende molto l’idea di quanto fossi innamorata di lei.

“Lei è sicura dei tuoi sentimenti Giulia, sa che comunque in qualche modo i tuoi pensieri le appartengono, questo la rende forte, nel senso che si concede la libertà di stupirti, di confonderti. Sente che puoi perdonarle ogni cosa perchè ha già conosciuto la tua indulgenza e la tua tendenza a giustificarla. Credo che la sua insicurezza, determinata da quell’insieme di fattori che in passato mi hai spiegato, destabilizzi il suo coraggio a lasciarsi andare a questo rapporto al quale non rinuncerebbe se solo si sentisse libera. E così gioca, senza saperlo, a riaccendere piccole fiammelle che lo tengono in vita per poi soffiarci sopra appena i timori prendono il sopravvento. E Giulia è sempre lì e lei lo sa 🙂 Notte bella e … in bocca al lupo… sempre 😉