accadde…oggi: nel 2020 muore Lidia Menapace

https://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Coronavirus-morta-Lidia-Menapace-ex-partigiana-aveva-96-anni-5170842e-79f3-423c-b3ed-690d7393a8f4.html?refresh_ce

E’ morta all’età di 96 anni Lidia Menapace. Da alcuni giorni era ricoverata per Covid nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Bolzano. L’ex senatrice è deceduta questa notte, alle ore 3.10 secondo quanto riportato dal’agenzia Ansa e appreso dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige. Menapace è stata nel 1964 la prima donna eletta in consiglio provinciale a Bolzano e la prima donna in giunta provinciale. L’attivista del movimento pacifista e femminista dal 2006 al 2008 è stata senatrice di Rifondazione comunista. Politica ma soprattutto ex partigiana combattente e punto di riferimento del movimento femminista in Italia tanto da essere soprannominata la ‘Grande Dame’. Novarese di nascita (era nata il 3 aprile 1924), da giovanissima prese parte alla Resistenza e, nel dopoguerra, si era impegnata nella Federazione universitaria cattolica italiana. Laureatasi all’università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nel 1952 si trasferì in Alto Adige. Nel 1964, militante dell’allora Democrazia Cristiana, venne eletta prima donna in consiglio provinciale a Bolzano – l’altra era Waltraud Gebert Deeg (Svp), madre di Waltraud, adesso assessore provinciale – e prima donna a sedere in giunta provinciale. Il trasferimento nel capoluogo altoatesino non impedì alla Menapace di insegnare presso l’università Cattolica con l’incarico di Lettrice di Lingua italiana e metodologia degli studi letterari. A far interrompere improvvisamente la sua collaborazione con il prestigioso ateneo milanese la pubblicazione del 1968 di un documento dal titolo ‘Per una scelta marxista’. Lo stresso anno lascio’ anche la Dc per diverse visioni politiche. Le sue idee volgevano sempre di più verso il Partito Comunista italiano e, nel 1969, figura tra le fondatrici del quotidiano ‘Il Manifesto’. A metà degli anni Settanta entra a far parte del Comitato per i diritti civili delle prostitute e agli inizi degli anni Ottanta è consigliere a Roma nelle liste del Partito di Unità Proletaria. Il punto più alto della carriera politica della Menapace risale all’aprire del 2006 con l’ingresso in Senato dopo essersi candidata nel Friuli Venezia Giulia per Rifondazione Comunista-Sinistra Europea. Nel corso dello scrutinio segreto per l’elezione del presidente della Repubblica italiana del 2006, Menapace ottenne alcuni voti. Nel corso della XV Legislatura al Senato, durata esattamente due anni, diventa prima membro e poi anche segretario della commissione Difesa ma anche presidente della Commissione di inchiesta sull’uranio impoverito. Nel 2011 e’ nominata nel Comitato Nazionale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Lo scorso anno dopo il 95esimo compleanno, Lidia Menapace era stata premiata per il lavoro svolto nella Società altoatesina di scienze politiche e nominata ‘Personalità politica dell’anno 2018. Esattamente un anno fa, era il 13 dicembre, in piazza Mazzini a Bolzano durante un flash mob delle Sardine, Menapace disse: “Quando le piazze si riempiono è buon segno, io ero partigiana combattente ma non volevo portare armi: si può resistere anche senza”.