la famiglia tradizionale non tiene più, è colpa delle donne? No, sono le disuguaglianze che l’hanno fatta a pezzi, di Cinzia Pennati

https://sosdonne.com/2022/06/01/la-famiglia-tradizionale-non-tiene-piu-e-colpa-delle-donne-no-sono-le-disuguaglianze-che-lhanno-fatta-a-pezzi/

Quando una donna lascia un uomo, spesso, non si separa solo da lui.

Spesso lascia il mondo di negazione in cui si è infilata.

Lascia la dipendenza a cui era assoggettata.

Lascia il giudizio su di sé.

La sottomissione culturale.

Lascia abitudini sessiste praticate con naturalezza.

Lascia una sicurezza effimera per un’incertezza finalmente esplicita.

Lascia un mondo nominato e pensato al maschile. Lascia uno spazio che non c’era.

Lascia gerarchie di potere da cui è esclusa.

Quando una donna lascia un uomo, spesso, non lascia solo lui.

Lascia le discriminazioni subite negli luoghi pubblici.

Lascia una storia di invisibilità.

Le disuguaglianze che hanno condizionato la sua esistenza.

Le strade buie della notte in cui non si sentiva sicura.

Lascia le molestie da cui nessuno l’ha protetta.

Le discriminazioni economiche.

La funzione costante di piacere.

Lascia una vita in cui le viene chiesto di essere spettatrice a bordo campo mentre gli uomini agiscono, avanzano di carriera, conquistano spazi sempre più grandi.

Lascia la solitudine con i figli. La scelta tra la famiglia e le proprie realizzazioni.

Quando una donna lascia un uomo, spesso, non lascia solo lui, lascia la rappresentazione che ha avuto di sé stessa fino ad allora.

Lascia un intero sistema sociale di annullamento.

Si riposiziona o ci prova. Lo fa per sé, per i figli e le figlie, se ci sono; lo fa anche per cambiare lo stato delle cose.

Una donna quando lascia un uomo, non distrugge una famiglia, sono le disuguaglianze che l’hanno fatta a pezzi ancora prima di nascere.

Lei prova a rompere un sistema sessista, maschilista, patriarcale, anche se non lo sa.

Si riprende uno spazio. Quello di donna e di persona.

Chi può biasimarla?