non smettete mai di avere fiducia in voi, nei/lle vostri/e figli/e, nell’altro/a, di Cinzia Pennati

https://sosdonne.com/2022/12/07/non-smettete-mai-di-avere-fiducia-in-voi-nei-vostri-figli-nellaltro/

Non ci resta che la fiducia. Mantenere salda quell’idea che ce la faremo in qualche modo e  ce la faranno anche i nostri figli.

Continuare ad avere fiducia anche se avremmo voluto dargli il meglio e non possiamo, anche se avremmo voluto essere migliori di ciò che siamo.

Non ci resta che la fiducia, quando non ne abbiamo più in noi stessi, quando alcune esperienze ci hanno deluso, quando tutto rema contro, quando l’amore ci chiude la porta in faccia.

Che umani potremmo mai essere senza la fiducia nell’esistenza? Nelle sue possibilità.

Così, quando ho paura per me, per  le mie figlie, per le persone che ho vicino, penso a questo; anche dentro alla morte penso alla fiducia nell’esistenza.

Non sono un’inguaribile ottimista ma so che il mondo non finirà con noi e questo, non so come spiegarlo, è in qualche modo un sollievo. Non finisce nemmeno quando qualcuno che amiamo non c’è più e non ci capacitiamo che il sole sorga ancora nonostante il dolore che ci atterrisce.

Eppure poi succede, quel dolore si trasforma, magari non scompare, ma la vita se ne fa una ragione o forse se ne fotte di noi, che siamo piccoli piccoli, parte infinitesimale di qualcosa che è stato e ancora sarà.

Possiamo scegliere sempre, questo deve esserci chiaro, possiamo scegliere come passare il tempo naturale delle sconfitte e delle delusioni, possiamo recriminare, incastrarci nel ricordo, dare colpe e trovare colpevoli, oppure, possiamo di nuovo spingere la fiducia, seguire il flusso dell’esistenza e far fare a lei.

Ci sono momenti in cui non ci sono scelte da fare, decisioni da prendere e nessuno dice che sia semplice, non lo è, ma le energie che spendiamo per i se, se avessi fatto, se avessi detto, se fossi stata…sono tempo inutile.

A volte le cose vanno come devono, impreviste, dolorose, tristi. Lo sono anche i nostri figli imprevisti, dolorosi e tristi e lo siamo anche noi, a volte. Molte volte, invece, siamo altro, sono altro, solo che lo notiamo di meno, perché il dolore scava memorie e sembra avere più valore del resto ma non è così.

Persino quando, dopo tanto faticare, i conti dell’esistenza non sono in pareggio e siamo in fondo al baratro, non smettete mai di avere fiducia in voi, nei vostri figli, nelle persone a cui volete bene, nell’altro.

La vita sa continuare, a volte, bisogna solo farglielo fare.