Archivio categoria: donne e salute – women and health

accadde…oggi: nel 1819 nasce Regina Dal Cin, di Paolo Steffan

Una figura stupefacente di guaritrice attiva nel Vittoriese nel cuore dell’Ottocento, tra processi e gratifiche, è ricordata con orgoglio in una vecchia cronaca di Benedetto Zenner Spesso pensiamo che le piccole località non… Continua a leggere

Vota:

Janna Sailor e la sua Allegra, un’orchestra di sole donne, di Robert Rowat, da me tradotto e rielaborato

  “All’inizio non avevo alcuna intenzione di creare un’orchestra a questo punto della mia carriera ma il fato sembrava avere altre idee” dice Janna Sailor, direttrice e fondatrice dell’Allegra Chamber Orchestra (ACO), la… Continua a leggere

Vota:

sulla scia dei giorni. dialoghi sul limite: Dacia Maraini al teatro Niccolini, resoconto di Daniela Domenici

Questa mattina ha avuto luogo l’ultimo dei nove incontri promossi dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e da File – Fondazione Italiana di Leniterapia onlus che sono iniziati lo scorso settembre al teatro… Continua a leggere

Vota:

le quattro principali D di Daniela (un po’ tautogramma in D), di Daniela Domenici

Daniela diuturnamente si diletta con, si dedica a, disquisisce di Donne Detenuti/e Disabili Diversamente orientati sessualmente  

Vota:

storie di donne che hanno fatto storia, di Mariella Gramaglia

Trentasei anni fa veniva approvata la legge 194. La festeggiamo con i ritratti di due pioniere dell’autodeterminazione femminile. Con l’augurio che si arrivi davvero alla piena applicazione #apply194 Adele Faccio, ex partigiana, è… Continua a leggere

Vota:

the gender gap, by Daniela Domenici

The gender gap is a devious trap we have first to deactivate and then wholly eliminate to get the gender equity in every field of society so that women in history won’t be… Continua a leggere

Vota:

Le Mille. I primati delle donne, a cura di Ester Rizzo, Navarra editore, recensione di Daniela Domenici

Lo confesso: per la prima volta, dopo più di dieci anni che faccio la biblio-recensora, sarò meno oggettiva del solito nei riguardi di un libro perché di quest’opera sono una delle coautrici e… Continua a leggere

Vota: