Annunci

Archivio categoria: donne e sessismo – women and sexism

Björk e il sessismo nella musica, di Alanna Vagianos, da me tradotto e rielaborato

  Non è facile essere una “lady” nell’industria musicale. Chiedetelo a Björk. In un’intervista con “Pitchfork” lo scorso gennaio l’autrice di canzoni e cantante islandese ha parlato del suo nuovo album “Vulnicura”, del… Continua a leggere

Vota:

Il sessismo nella scienza, di Veronika Meduna, da me tradotto e rielaborato

  Vi ricordate il premio Nobel sir Tim Hunt e i suoi commenti ora infami sui suoi “problemi con le ragazze nel laboratorio”? O quella tempesta che oscurò la missione di successo Rosetta… Continua a leggere

Vota:

“Maschi contro femmine” di Silvia Vecchini, illustrazioni di Sualzo, recensione di Daniela Domenici

Sottotitolo “chi ha detto che ci sono giochi da maschi e giochi da femmine?” … e me lo sono subito regalato anche se sulla copertina c’è scritto “dai 7 anni in su”…non rientro… Continua a leggere

Vota:

Equità di genere nella lingua, di Meghan Laakso, da me tradotto e rielaborato

  In questo tempo di sviluppo dell’umanità molti potrebbero pensare che la lotta per l’equità di genere sia cosa fatta e superata. Siamo nel 21esimo secolo e ancora quando si parla di diritti… Continua a leggere

Vota:

La lingua rinforza il gender pay gap? di Tom Jacobs, da me tradotto e rielaborato

Le donne americane che lavorano a tempo pieno ricevono, in media, 78 cents per ogni dollaro guadagnato dai loro colleghi uomini. Come possiamo non tener conto di questo? Uno studio del 2007 ha… Continua a leggere

Vota:

E’ stato aggiunto al dizionario Mx che rimpiazza Mr e Mrs, di Savannah Cox, da me tradotto e rielaborato

Una new entry in Dictionary.com riflette le comprensioni in evoluzione riguardo al genere e all’identità nel 21esimo secolo. “Hello, Mx. Smith”: non è un errore tipografico nel prefisso ma rappresenta un modo per… Continua a leggere

Vota:

Astenersi dall’usare una lingua sessista è più che soltanto “politically correct”, di Julia Jackson, da me tradotto e rielaborato

Astenersi dall’usare una lingua che è sessista, denigratrice e violenta verso le donne è non solo essere “politically correct” come alcune figure politiche (Donald Trump) cercano di convincerci. Astenersi da una lingua misogina… Continua a leggere

Vota:

Mappare lo squilibrio di genere nei nomi delle strade cittadine, di Allison Meier, da me tradotto e rielaborato

Lo scorso agosto il gruppo attivista “Osez le Féminisme” ha installato segnali di guerriglia a Parigi per rinominare strade e parchi a donne come la cantante Nina Simone, la navigatrice Florence Arthaud e… Continua a leggere

Vota:

Mappare il sessismo dei nomi delle strade delle città, di Linda Poon, da me tradotto e rielaborato

  Molte cose sono intitolate alle persone: cibi, teorie, malattie e tra le più comuni le strade. Martin Luthr King Jr, da solo, ha più di 900 strade intitolate a lui in tutti… Continua a leggere

Vota: