Annunci

Archivio categoria: Sicilia – Sicily

L’ultima notte di X, di Antonio Ciravolo, Splen edizioni, recensione di Daniela Domenici

  Anche questo libro mi ha “chiamato” alla prima fiera del libro alla Fortezza da Basso qui a Firenze; mi sono fermata allo stand di questa giovane casa editrice siciliana e tra le… Continua a leggere

Vota:

La casa è chiusa, di Rosa Belladonna, Porto Seguro editore, recensione di Daniela Domenici

  Un altro libro che mi ha “chiamato” lo scorso fine settimana alla prima fiera del libro qui a Firenze…non conoscevo l’autrice né la casa editrice, mi ha fatto decidere sia la trama… Continua a leggere

Vota:

domande di cultura varia in lingua siciliana di una prof a un alunno un po’…alternativo, di Daniela Domenici

Ho scritto questa scenetta in lingua siciliana sette anni fa quando vivevo ancora ad Augusta,  ve la ripropongo per  sorridere un po’ senza troppo impegno, tenete presente che sono una prof quindi…un minimo di deformazione… Continua a leggere

Vota:

Morivamo di freddo, di Rosalia Messina, recensione di Daniela Domenici

  Un libro che è una specie di puzzle di cui chi legge deve lentamente ricostruire il disegno facendo attenzione ai vari pezzi che sono distribuiti lungo l’arco della narrazione sia a livello… Continua a leggere

Vota:

Ride la gazza nera sugli aranci (acrostico di sapore siciliano, come dal titolo di una nota poesia di Quasimodo), di Adele Libero

R ide questa terra solitaria, I solata dal resto del mondo, D iversi gli uomini, le cose,… E ternamente bambina. L ‘alba coglie ogni arsura A llontana le nubi della notte G iunte… Continua a leggere

Vota:

matri, di Nuccia Isgrò

“O matri picchi m’ami?” “Picchi si un pezzu du me core!” “Matri, picchi cu tia non aiu scantu i nuddru?”… “Picchi ti criscii intra ammia, e anchi nu lioni chi me mani ‘mazziria… Continua a leggere

Vota:

lingua e dialettu, celebre e stupenda poesia di Ignazio Buttitta

Un populu mittitilu a catina spughiatilu attuppatici a vucca è ancora libiru. … Livatici u travagghiu u passaportu a tavula unnu mancia u lettu unnu dormi, è ancora riccu. … Un populo diventa… Continua a leggere

Vota: