“I brividi in gabbia” di Lady P, Damster edizioni, presentazione di Daniela Domenici

 brividi_gabbia_6e0ffdbf2f5df8e433d36c6a13fb8f6c

E’ raro trovare un’autrice che sappia parlare di erotismo in modo elegante e raffinato come fa Lady P che ha esordito poco tempo fa con una silloge di poesie erotiche “SolEros” e che ora si ripresenta al suo affezionato pubblico con la sua seconda opera, un romanzo affascinante e avvincente, ad alto tasso erotico ma con una buona dose di suspense, dal titolo “I brividi in gabbia”.

Ho avuto l’onore e il piacere di leggere in anteprima questo romanzo di Lady P che mi ha colpito per una serie di motivazioni.

La prima è lo stile narrativo assolutamente originale che ho definito “alla Woolf” perché lo “stream of consciousness”, il flusso di coscienza, da lei portato alla perfezione (insieme a Joyce, naturalmente) viene utilizzato da Lady P con la stessa, identica bravura e ne è la cifra distintiva.

Seconda motivazione l’erotismo sensuale ma mai volgare delle scene d’amore tra Angela e Jonathan, descritte da Lady P senza mai oltrepassare il limite della pornografia perché suggerire velatamente è sicuramente molto più accattivante e attraente.

Terzo motivo il sentimento d’amore, inaspettato, devastante e incontenibile, che nasce tra i due protagonisti e che dà una marcia in più a questo romanzo che è sì un libro erotico ma è soprattutto una grande storia d’amore.

Quarta e non ultima la motivazione “sociale” che emerge dalla storia di Angela e Jonathan e che dà un brivido in più, oltre ai tanti erotici, che colora di giallo-suspense questo romanzo con cui Lady P entra, a pieno diritto, nell’olimpo delle narratrici.