“Niente è come sembra” di Anna Maria Frascaroli, recensione di Daniela Domenici

 niente è come sembra

“Tre romanzi brevi e un racconto simile a un sogno noir tutti pubblicati dall’autrice…su settimanali femminili con i quali collabora” leggo nella prefazione a questa raccolta che ho letto senza, com’è mia inveterata abitudine, saper niente dell’autrice né aver letto alcuna recensione prima.

Ed è stata una piacevolissima scoperta perché i tre romanzi brevi e il racconto noir sono assolutamente deliziosi; il primo che dà il titolo alla raccolta ruota attorno all’omicidio di una donna, Mafalda, sul marito della quale si concentrano i sospetti e anche il terzo, “Il diario di Astrid”, ha al centro una ragazza la cui morte sembra, a prima vista, un suicidio ma grazie a suo fratello verrà fuori la verità.

Sul racconto noir “Sognando Zanzibar” la cui protagonista è Natasha non si può fare alcun cenno, solo leggerlo…

E il terzo romanzo breve “Strano intrigo…a Malibù”, come dice la prefazione, “alleggerisce l’atmosfera”; è un divertentissimo intreccio di bugie, scambi d’identità e desiderio di fama che ha luogo a Malibù, sotto il sole della California.