accadde…oggi: nel 1899 nasce Ernesta Oltremonti

Ernesta Oltremonti nasce a Venezia nel 1899. Figlia di una nobildonna veneziana e un capitano della Regia Marina, dopo aver frequentato le Accademie di Belle Arti di Venezia, Roma e Firenze ed esposto alle Biennali veneziane e a Ca’ Pesaro, soggiornerà a Parigi per quattro anni, partecipando a vari Salon d’Automne. Suo maestro e amico il pittore Emilio Notte, con il quale ebbe un sodalizio artistico e una enigmatica amicizia amorosa.

Negli anni Trenta, trasferitasi a Roma con la madre e le due sorelle, esporrà alle Triennali romane, iniziando contemporaneamente a insegnare al liceo artistico di via Ripetta. Pittrice e disegnatrice di grande talento, fedele alla luce lagunare ma anche alla solidità espressiva del segno, non le mancarono gli apprezzamenti, soprattutto a Parigi. Scelse poi di abbandonare la pittura dedicandosi esclusivamente all’insegnamento. Un’artista di carattere schivo e appartato ma dotata di una tempra coraggiosa e determinata che terminerà la sua vita a Roma nel 1982. La ricerca delle tracce lasciate dalla sua esistenza è oggetto di questo libro che vuole mettere a fuoco il potere dell’arte nel risvegliare la curiosità e l’interesse di chi la incontra per caso o ne è destinataria.

Ernesta Oltremonti è un esempio di come non basti il talento per emergere. Se questo è vero per molti pittori, lo è ancor di più per le pittrici spesso vittime della volontaria dimenticanza della critica d’arte ufficiale. Ma la vita di questa artista dimostra anche la poliedricità del femminile, il saper rivolgere ad altre inclinazioni creative il proprio sguardo vivendo con rinnovata passione nuovi ambiti di esperienza.