accadde…oggi: nel 1921 nasce Patricia Highsmith

https://www.minimumfax.com/autore/patricia-highsmith-1419

La signora del thriller nasce nel 1921 a Fort Worth, nel Texas, poi si trasferisce a New York. I genitori sono divorziati, Patricia prende il cognome del patrigno, e la sua prima infanzia è segnata dall’influenza della nonna materna che si prende cura di lei. A scuola mostra subito un grande talento per l’arte, pittura e scultura, ma la sua vocazione vera è scrivere storie.

Dopo il college lavora alla sceneggiatura di libri di fumetti, ma dovrà attendere ancora un po’ per vedere pubblicato il suo primo libro. Sconosciuti su un treno appare nel 1950: è la storia di due uomini, un architetto e uno psicopatico, che si incontrano su un treno e decidono di scambiarsi gli omicidi. «Alcune persone sarebbe meglio se fossero morte – come tua moglie e mio padre, per esempio», spiega Bruno, il ricco psicopatico, prima di mettere mano alla sua parte di lavoro. Questo fortunato esordio rappresenta il paradigma dal quale nasceranno i suoi romanzi successivi: due mondi che si intersecano, nei quali il confine che divide il normale dall’anormale sfuma i suoi contorni fino quasi a svanire. Il libro avrà tre versioni cinematografiche (memorabile L’altro uomo di Hitchcock) e rappresenta ormai un classico del genere.

Nel ’55 fa la sua prima apparizione Tom Ripley, il personaggio più celebre creato dalla scrittrice. Un serial killer truffatore e bisessuale, che è insieme un sadico e un marito amorevole, una parodia della mentalità alto-borghese e un criminale per fatalità. Le storie che lo vedono protagonista sono tutte incentrate sull’interrogativo di come riuscirà ogni volta Ripley a farla franca. Questo ambivalente eroe uscito dalla penna della Highsmith ispirerà molti registi, fino ad Antony Minghella nel ’99, con Il talento di Mr. Ripley.
Patricia Highsmith trascorre una vita appartata e solitaria, lontana dalle luci della ribalta. Nel ’63 si trasferisce definitivamente in Europa, dove i suoi libri sono particolarmente apprezzati e dove riesce a isolarsi dal mondo. Gli ultimi anni li passerà quasi reclusa in una casa nella campagna svizzera, nei pressi di Locarno, fino al giorno della morte, il 4 febbraio 1995.
«Miss Highsmith è una scrittrice di libri gialli che si possono rileggere molte volte. Sono molto pochi quelli di cui si può dire la stessa cosa. È una narratrice che ha dato vita a un mondo tutto suo, un mondo claustrofobico e irrazionale nel quale entriamo ogni volta con una sensazione di personale pericolo…»: parola di Graham Greene.

Annunci