confusi e felici, regia di Massimiliano Bruno, recensione di Daniela Domenici

In questi giorni di forzata clausura da virus, con le scuole e i teatri ancora chiuse/i qui a Genova, ho pensato di ottimizzare il mio tempo, oltre che leggendo e recensendo libri e books come faccio da anni quasi quotidianamente, guardando film su Amazon Prime Video e diventando quindi cine-recensora per quelli che incontrano il mio gusto.

Inizio a recensire“Confusi e felici”, un film del 2014.

I miei primi complimenti vanno innanzitutto a Massimiliano Bruno, che è autore del soggetto, della sceneggiatura del film, ne è il regista e si ritaglia anche un ruolo, quello di Pasquale, autista di autobus con problemi di dipendenza dal cibo, che caratterizza con intelligente ironia; ha immaginato una trama davvero originale che coinvolge sin dall’inizio, che fa sorridere e commuovere fino al finale…poetico!

E ora voglio tributare i miei più calorosi complimenti e applausi virtuali al protagonista, uno straordinario Claudio Bisio; nel ruolo di Marcello, uno psicanalista che abbandona la sua professione per una patologia improvvisa e devastante e che, grazie a questo evento, scopre il calore dell’amicizia e dell’amore, Bisio riesce a farci percepire e a condividere tutte le emozioni che lo attraversano grazie alla sua formidabile classe attoriale.

Si meritano i miei applausi virtuali tutti e tutte i/le componenti del cast, da Anna Foglietta – Silvia, prima segretaria di Marcello e poi sua musa e compagna, ai/lle suoi/e ex pazienti che diventano suoi/e supporters, da Marco Giallini – Nazareno, un pusher dal cuore d’oro, a Caterina Guzzanti – Betta, la moglie sessualmente insoddisfatta del marito Enrico che è Pietro Sermonti, da Paola Minaccioni – Vitaliana, una ninfomane sui generis, a Rocco Papaleo – Michelangelo, un telecronista sportivo con scoppi d’ira a Gioele Dix, un collega psicanalista, e a Kelly Palacios nel ruolo di Mercedes, la donna di Nazareno.

C’è anche un piccolo cameo: quando Marcello fa una serenata sui generis sotto la finestra di Silvia per riconquistarla viene accompagnato da un trio composto da Max Gazzè, Niccolò Fabi e Daniele Silvestri.

Come dice Benigni…emozionatevi con questo film!