ne usciremo e sarà lo stesso, di Oumar Sallieri

Ora eccoci qui, noi ottimisti, tutti in fila

Quelli che vedono il bicchiere mezzo pieno

Qualcuno tiene botta, qualcuno si sfila

Tutti ad aspettare il prossimo treno

 

Una vita a compiangere i pessimisti

Quelli del bicchiere mezzo vuoto

Camminando sicuri da bravi equilibristi

Sul filo che si tende verso l’ignoto

 

Il virus infuria ed abbatte barriere

Se credi o sei ateo non lo vuole sapere

Si insinua e serpeggia senza darci il buongiorno

Vuole solo il suo spazio, levarci di torno

 

E noi, come sempre, ci faremo da parte

Noi umani sapienti cultori dell’arte

Di fingerci morti per farla poi da padroni

Lasceremo di nuovo comandare le illusioni

 

Quindi ben fatto ! Ogni cosa al suo posto

Sempre tanto fumo. Sempre niente arrosto

L’universo si espanderà fino a scoppiare

Dove finisce la terra comincia il mare