Il male dentro, di Roberto Negro, Fratelli Frilli editori 2022, recensione di Daniela Domenici

Un noir molto noir questo libro più recente di Roberto Negro, ex criminologo e scrittore prolifico, che racconta una nuova indagine del commissario Scichilone.

L’autore ha collocato questa sua opera nel territorio di Ventimiglia nel quale un gruppo malavitoso di albanesi e una cosca della ‘ndrangheta si contendono il traffico della droga; a questo si aggiunge il rapimento di un bambino che è il nipote del boss, fatto che rende ancora più duro e violento lo scontro nel quale si troverà a operare il commissario che dovrà anche fare delle scelte difficili per arginare la contesa.

È una storia molto cupa e violenta anche nel linguaggio, con vari omicidi e un’umanità alquanto variegata; Scichilone è umanamente una persona molto sola che deve ancora imparare come rapportarsi con il mondo femminile e che ama visceralmente il proprio lavoro.