Lettera da una professoressa (dedicata ai miei alunni della prima)

Sono cresciuta avendo la fortuna, grazie anche all’educazione familiare ricevuta, di entrare in contatto, sia dal vivo che attraverso le letture, con realtà come le Baracche Verdi dell’Isolotto di don Mazzi nel 1968… Continua a leggere

Vota: