Annunci

Archivio tag: sapore

passione dirompente, in rima baciata, di Daniela Domenici

. passione dirompente esplode nella mente, travalica ogni barriera e ti fa sentire più vera perché senza la passione è diversa l’emozione che s’accende, che ti prende, ha un altro colore, un diverso… Continua a leggere

Vota:

sguardi, in versi eptasillabici, con sinestesie, di Daniela Domenici

sguardi inattesi che rincorrono la pelle facendola bruciare di un nuovo sapore, morbido e croccante, che sa di oro caldo…

Vota:

allitterazioni in S partendo da ritrovarsi, di Daniela Domenici

Ritrovarsi dopo essersi quasi persi ha un sapore più intenso, ci si riscopre diversi/e ma con lo stesso desiderio di proseguire il percorso insieme

Vota:

il basilico, in rima baciata, di Daniela Domenici

Per me il basilico è davvero mitico, la sua etimologia è tutta una poesia: sapete che vuol dire “regale”? Un significato niente male. Le foglie del basilico col loro profumo potente mandano messaggi… Continua a leggere

Vota:

Granite e arancini, di Daniela Domenici

Splendida granita tricolore a colazione un vero tripudio di sapore e di emozione, pesca, pistacchio e gelso rosso, estasi del gusto a più non posso. Se poi a pranzo ci aggiungi anche gli… Continua a leggere

Vota:

La serenità, in versi pentasillabici, di Daniela Domenici

  Che colore ha La serenità? Di luce d’oro Che mi avvolge. Che sapore ha La serenità? Di frutta fresca Che mi disseta. Che profumo ha La serenità? Di gelsomino Che mi inebria.

Vota:

“Vegan e Natale” di Daniela Domenici

mantenersi vegani anche a Natale è un’impresa da titani paradossale tenere alta la bandiera vegana contro l’orda per niente umana di faraone e capponi lasagne e cannelloni è divertente, appagante è una sfida esaltante… Continua a leggere

Vota:

Ho sognato di Luigi Mereu

Ho sognato una scuola che poi non ho fatto ed anche un lavoro che non mi è riuscito ricordo il sapore di lacrime amare il giorno che ho chiuso dicendo ho fallito con… Continua a leggere

Vota:

Cinquesensi di Lady P

Dolcissimo trangugiare il sapore di uno sguardo assetato palpeggiato di echi ascoltati in levare di carezze pungenti a mordere profumi da gustare

Vota: