L’ulivo di Adele Libero

ulivo

Si dice tu  sia solo un vegetale,
che nel terreno ha le sue radici,
ma io credo che tu sia paranormale
e in fondo sappia più di quel che dici.

Da mille anni resti fisso in terra,
aspettando la pioggia con pazienza,
e in estate la chioma si rinserra
così dell’acqua tu puoi fare senza.

E come ulivo,  millenario amico,
ti senti quando a me pensi davvero
perché sai che in me le tue radici
si saldano nel corpo mio leggero.

Tu assorbi la mia linfa eternamente,
ti nutri di mia mente come ambrosia,
ed io mi lascio asciugar la mente
brillando tutta di tua bramosia.