Archivio categoria: Adele Libero

Ischia, di Adele Libero

Ma tiene overamente chistu mare celeste comme chillo ‘e Marechiare? T’he rubbato ‘e stelle ‘e tutto ‘o cielo e l’uocchie cchiù brillante ‘e na juagliona? E mentre ‘i saglie ‘o monte è nu… Continua a leggere

Vota:

ottobre, acrostico semiserio di Adele Libero

Ogni foglia all’estate tira i baffi Tentando di restare appiccicata Tra rami e rami di vecchia stagione, Ormai passata in fondo alla cantina. Beve il suo vino il grasso contadino Rubizzo nelle guance… Continua a leggere

Vota:

la spigolatrice, di Adele Libero

Era andata quel giorno a spigolare quando vide una barca in mezzo al mare, e presto la sua veste fu toccata e lei restò per terra, insanguinata. Niente pietà per quella donna bella,… Continua a leggere

Vota:

autunno, di Adele Libero

Lo sai che il tempo or s’è capovolto? Le strade sono scure alla mattina, la notte non ci lascia che alle otto e s’esce con addosso una giacchina. Questo è l’autunno, pensa l’impiegato,… Continua a leggere

Vota:

An Afghan mummy’s prayer, by Adele Libero con traduzione in italiano dell’autrice

Please do sleep longer, my dear baby kept in my womb, you will be ready oh yes, too soon, to my intention, and you will leave me and my affection. Maybe one day… Continua a leggere

Vota:

pozzanghera, di Adele Libero

Se il cuore si lega ad un luogo è lì che io voglio restare, lasciando le povere membra nel buco a marcire. E aspetto che il cielo più azzurro si faccia acqua nel… Continua a leggere

Vota:

‘o quinto piano, di Adele Libero

E stammece assettate ‘o quinto piano ‘e sta luggetta fresca e prufummata, tu ce cultive ‘e sciure e chianu chiano l’evera cresce e ‘a rosa s’è schiuppata. Se vere a vvote pure ‘o… Continua a leggere

Vota:

quello che conta, acrostico di Adele Libero

Se conto queste ore del mattino, e vedo il cielo che dipinge l’oro, travalico il colore dell’aurora. Tutto ha sapore di quel che più conta e mi sorprendo a non volere niente. Mi… Continua a leggere

Vota:

quindici agosto, acrostico riflessivo di Adele Libero

Quando smarriti ci guardammo avanti, Un angolo di mondo ci lasciammo: Il secolo di guerre, il novecento, Notte per l’Uomo cruda nei millenni. Diceva “ho messo piede sulla luna” Inoltre ho controllato la… Continua a leggere

Vota:

  • categorie – argomenti

  • articoli recenti

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo sito e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

    Unisciti ad altri 1.285 follower

  • Follow daniela e dintorni on WordPress.com
  • flag counter

    Free counters!

  • le/i mie/i followers

  • classifica articoli