Delirio linguistico pre-prandiale di Daniela Domenici

patata-disegno da miprendilalunapapa.

Nella mia, ormai inguaribile, linguistica follia
mi son voluta divertire non con l’etimologia
ma con le analogie tra alcune straniere traduzioni
di “patata”, che amo mangiare in tante variazioni.
Stranamente “patata” ha il suo simile “potato” in inglese,
lingua anglosassone e non neolatina
mentre “pome de terre”, mela-di-terra, si chiama in francese
idioma della nostra più vicina…cugina!
Ancora più curioso è il fatto
che “kartoffel”, la germanica traduzione,
sia l’equivalente esatto
di “картофель”, patata nella russa versione.
E per concludere questo mio breve excursus
non poteva mancare il latino “solani tuberus”
ma mi sovviene un dubbio quasi…amletico:
perché nel linguaggio volgarmente erotico
un certo femminile organo viene, ahimè, connotato
con questo alimento così semplice eppure prelibato?