Nunziatina (ovvero del rimorso), di Adele Libero

 

Quanno ‘o diamante è grezzo, va sgrussato,

ce vo’ ‘a perzona ca già c’è passata,

ce vo’ a pacienza e ‘a giusta taratura,

pe’ fa’ luce’ ‘na pietra accussì dura.

 

Ma Nunziatina, bella comme ‘o sole,

truvaje tant’ omme senza mai parole,

a sidici anne steva già p’’a via,

venneva ‘o corpo senza ritrosia.

 

‘A faccia ‘e cera ca venette ‘a mamma,

quanno appuraje ‘sta cosa d’’e cumpagne.

‘A levaje d’’a strada prontamente,

ma ‘stu peccato era già evidente.

 

Lassajene l’angiulillo ca’ nascette,

m’iezzo all’ate orfanelle e se verette

ca ‘a mamma poche lacrime versaje

e chistu dono allora ‘un l’apprezzaje.

 

Ma ‘a vita nun è tutta carrozzella,

a vote gira e gira pure ‘a stella

e Nunziatina quanne se spusaje

‘nu piccerillo invano l’aspettaje.

 

Tanno se arricurdaje cu’ paura,

c’aveva abbandunato ‘na criatura,

e allora ‘e mmane se mangiaje a muorze,

pecchè duraje pe’ sempe stu rimorzo !!

 

Tanno= allora

 

 

 

 

 

 

Annunci