Una strada per Rita, testo di Maria Grazia Anatra, illustrazioni di Viola Gesmundo, Matilda editrice, recensione di Daniela Domenici

È il primo libro per bambine e bambini che tratta un argomento ancora poco noto: la toponomastica femminile, cioè i luoghi urbani, strade, piazze e giardini intitolati a donne in Italia e non solo.

Convinte che sia importantissimo riportare alla luce il ruolo femminile attraverso la visibilità toponomastica Maria Grazia Anatra, docente viareggina e presidente dell’Associazione Woman to be, e Viola Gesmundo, architetta, hanno creato questo delizioso libro per spiegare alle bambine e ai bambini che dedicare strade, piazze e giardini alle donne non è solo un’operazione d’immagine ma contribuisce “a veicolare la storia e a formare la cultura” come ha detto recentemente il Sindaco di Bari Antonio Decaro, cioè a portare alla luce i contributi, spesso nascosti o dimenticati, che molte donne hanno dato alla Cultura in senso lato nei secoli.

Bravissima Anatra a immaginare questa storia che ha la giusta leggerezza per attrarre bambine e bambini alla lettura e la cui protagonista è Rita che insieme ai suoi compagni e compagne ha ricevuto dalla maestra un compito: scoprire quel che non va in città per poi esporre le proprie valutazioni al sindaco. Rita esplora con nuovi occhi lo spazio cittadino, guarda, prende appunti, riflette e scopre che tutte le strade hanno nomi di uomini famosi. E le donne? Non ci sono donne di valore a cui dedicare vie e piazze?

Splendide e perfette le immagini create da Gesmundo per far arrivare il messaggio che la toponomastica deve diventare materia scolastica sin dalla scuola primaria.

Il libro sarà presentato, per la prima volta, il prossimo 3 aprile alla Children’s Book Fair a Bologna

http://www.italianotizie.it/2017/03/28/una-strada-per-rita/

Annunci