‘A luce, di Adele Libero

 

Quanno ogne sera s’arretira ‘o sole

me’ pare ca sta vita se ne more,

hamma accennere ‘e luce artificiale,

aspettanno ca l’alba vene fore.

 

E ce piace quanno guardammo ‘a luna,

ca pare doce e pura, sempe amica,

e parlammo cu essa, senza alcuna

paura ca ‘a parola sia sgradita.

 

E quanno  chillo raggio suojo d’argiento

me veste e po’ me fa’ sentì incantata,

penzo a chi dinto tene ‘nu turmiento

si ‘a bella luce a isso è negata.

 

Chi tene l’uocchie ma nun vere niente,

è nu povero Cristo sfurtunato.

‘A vita l’ha ‘mbrugliato , overamente,

pecchè into’’o scuro è stato abbandunato.

Annunci