prigionieri del fumo e dell’odore acre…di Loredana De Vita

il montaggio è dell’autrice da una foto da Metropolis di ieri e la fenice in rete

Prigionieri del fumo e dell’odore acre,
tossendo e raschiando la gola che si chiude,
soffriamo le violenze di chi non ama
la terra e le persone
e nell’oscuro desiderio della propria onnipotenza
annienta la forza e il coraggio di chi
sospira e brama l’onesto amore per la vita.
Sciocco,
insulso assassino della vita e dei sogni,
non vedi che nella cupa forza del tuo potere
perdi il cuore di ogni senso
e resti a mani vuote nel tuo delirio?
Facile è il dominio
di chi distrugge incapace
di nobilitare il suo potere,
facile è la perdita del potere ambito
senza l’appoggio di chi vorresti dominare.
L’iniquo non può regnare,
e non sa.
La fenice morente risorge dalle proprie ceneri
più forte è il desiderio di giustizia e libertà.

l.d.v. (pensando a quanto sia assurda la brama distruttiva di potere)

 

Annunci