In attesa, di Adele Libero

Carmilina stasera t’aspetta,

tene ll’uocchie cchiù azzurre d’’o mare,

addò tu staje stutanno ‘e lampare

doppo ‘a pesca, t’appresti a turnà.

 

Essa ‘o ssape e pirciò s’appripara,

tene ‘a veste cchiù gghianca d’’a neve,

e ‘into ‘o core ‘se sente ‘na freve

pecchè ‘e notte, da sola, ‘un vo’ stà.

 

Ecco, mo’, ca s’arape sta porta,

‘int’’e braccia è subbeto festa

chest’attesa è fernuta e già lesta

pure ‘a luna s’appiccia e sta llà.

 

Annunci