Vacanze napoletane, di Adele Libero

Doppo Pasca mia moglie s’appripara,
l’estate s’avvicina e certamente
si dint’’a vita tenimme ‘e salvagente
ampresso ampresso ‘a dieta s’hadda fa’.

E allora s’accumencia d’’a matina:
na tazza ‘e latte, amara e dimezzata,
a mezzoggiorno broro e ‘na ‘nzalata,
tanto ca dico, “c’apparicchiammo ‘a ffa’ “!!

E po’ ‘o parrucchiere, ‘e punturine,
pe’ “rimpolpare il viso così bello”,
si, tanto ‘o portafoglio è sempre quello,
ca tutto cose, ‘a fine, hadda pavà.

E nun parlammo ‘e tutte ‘e vestite
ca hanna essere nuove e luccicante,
e scarpe po’, pe’ ’e feste importante,
p’’a sera e p’’a matina s’hanna avè.

Infine la pecunia s’è esaurita,
e ‘o mese ‘e luglio vene ‘o male ‘e panza,
nun ce stanno cchiù ‘e sorde p’’a vacanza,
e dinto casa, chiuse, hamma restà.

Aspettanno l’invito ‘e ferragosto,
‘e nu cuggino o n’ato parente,
accussì ‘nzieme, tutte, allegramente,
festeggiammo ‘a chiusura ‘e ll’està.

Annunci