còpula, riflessione di Daniela Domenici

dato che ieri ho spiegato a un alunno l’analisi del periodo e in particolare i vari tipi di congiunzioni, la disgiuntiva, la conclusiva, l’avversativa e la copulativa cioè la E mi è venuto il desiderio di cercare tutti i significati del termine “copula” – legame, congiunzione –  e la Treccani me ne dà addirittura 5; ho così imparato che esiste anche in chimica e in musica e in anatomia comparata…la cosa che più colpisce è che l’accezione sessuale di “còpula” viene messa al primo posto, quella grammaticale al terzo…

còpula s. f. [dal lat. copŭla «legame, congiunzione»]. – 1. letter. Accoppiamento, spec. nel senso di congiunzione sessuale, coito. 2. In anatomia comparata, sinon. di basibranchiale. 3. In grammatica, la congiunzione e; più spesso, la forma verbale che unisce il soggetto e il predicato nominale, tratta, nelle lingue indoeuropee, dai verbi significanti «essere» (per es.: lat. «homo est animal», ital. «l’uomo è un animale», oppure «il mare era calmo», ecc.). 4. Nell’antica terminologia chimica, parte di un composto chimico capace di unirsi con altre per dare sostanze dette appunto copulate. 5. Nella terminologia musicale dei sec. 12°- 13°, il termine latino copula era usato per indicare una specie distinta di discanto consistente in una coda a note brevi che una voce svolgeva nell’ultima nota del canto fermo

Annunci