Oltre l’arcobaleno – volume 3 – l’amore che siamo, recensione di Daniela Domenici

Mi è capitato di leggere proprio in questi giorni seguenti al 17 maggio, giornata internazionale contro l’omo, bi e transfobia il terzo volume della raccolta di racconti a tematica LGBTQI “Oltre l’arcobaleno – l’amore che siamo” edito dall’associazione Amarganta e ho il piacere di parlarvene.

Quest’opera è composta da ventidue racconti di autori e autrici contemporanei/e, sono di diversa lunghezza, gli stili sono davvero multiformi, il comune denominatore che li lega è la tematica, cioè l’amore “altro”, che sia gay, lesbico o trans non importa; ogni racconto narra, a modo proprio, le difficoltà di uscire allo scoperto, di fare coming out, di essere accettato/a, di essere orgoglioso/a di se stesso/a e del proprio amore, alcuni sono ironici, altri drammatici, alcuni si svolgono nel passato, altri nella nostra società attuale.

Alcune storie mi sono piaciute molto, altre un po’ meno, altre ancora, purtroppo, per niente ma è abbastanza naturale che una raccolta di queste dimensioni non possa soddisfare tutti i palati; comunque la mia personale statistica è di 16 racconti piaciuti, in vario grado, su 22, quindi una buona percentuale, direi. Elenco i titoli dei “magnifici” 16 con accanto l’autore, l’autrice o lo pseudonimo nell’ordine in cui si trovano nella raccolta:

  • Chanc(g) e di F. N. Fiorescato
  • Sigarette e cioccolato al latte di Pablo Cerini
  • Broncetto di Maria Rosaria D.
  • Il futuro che non hai di Manuela Chiarottino
  • Storie di ordinaria omofobia di Annemarie De Carlo
  • Il panettiere di Arquata di Laura Costantini
  • Il condominio racconta di Lily Carpenetti
  • Qualche minuto di anticipo di Matteo Grimaldi
  • Rovine di Stefano Bonazzi
  • La bottega del Verrocchio di Bert D’Arragon
  • La conchiglia di Francesca Masante
  • La parmigiana di zia Concetta di Fabio Cicolani
  • La necropoli di Beatrice Da Vela
  • Insieme è più facile di Erin E. Keller
  • Lili di Francesco Mastinu
  • L’amante del faraone di Clara Cerri

Ci ritroviamo a maggio dell’anno prossimo con il quarto volume e…chissà che non possa essere una delle autrici, ne sarei onorata e felice!

Annunci